Agricoltura biologica:

Tutte le nostre coltivazioni e gli integratori alimentari da noi commercializzati sono sottoposti a metodo biologico. L'ente certificatore, riconosciuto dalla Comunità Europea effettua controlli a campione e ispezioni regolari su terreni e locali di produzione per garantire il rispetto da quanto previsto dal Regolamento Europeo.

"L'agricoltura biologica è un metodo di produzione definito dal punto di vista legislativo a livello comunitario con un primo regolamento, il Regolamento CEE 2092/91, sostituito successivamente dai Reg. CE 834/07 e 889/08 e a livello nazionale con il D.M. 18354/09.

Il termine "agricoltura biologica" indica un metodo di coltivazione e di allevamento che ammette solo l'impiego di sostanze naturali, presenti cioè in natura, escludendo l'utilizzo di sostanze di sintesi chimica (concimi, diserbanti, insetticidi). Agricoltura biologica significa sviluppare un modello di produzione che eviti lo sfruttamento eccessivo delle risorse naturali, in particolare del suolo, dell'acqua e dell'aria, utilizzando invece tali risorse all’interno di un modello di sviluppo che possa durare nel tempo. Per salvaguardare la fertilità naturale di un terreno gli agricoltori biologici utilizzano materiale organico e, ricorrendo ad appropriate tecniche agricole, non lo sfruttano in modo intensivo."

 

Servizio CIC: piani HACCP, check up e analisi microbiologiche per aziende del settore alimentare

 

 

Si tratta di un servizio che offre la possibilità a un artigiano del settore dell'alimentazione di "tenere sotto controllo" l'applicazione delle numerose norme in materia igienico sanitaria della produzione, spesso fonte di difficoltà e ansie in un piccolo imprenditore, che nella sua azienda deve occuparsi un po' di tutto.

In sintesi il CIC (Controllo Igienico Continuo) prevede:

1. La verifica dell'idoneità di locali e attrezzature in conformità alle norme di tutela igienico sanitaria
2. La verifica che il sistema HACCP è effettivamente operante e l'apporto di eventuali revisioni
3. L'effettuazione analisi di laboratorio
4. La consulenza on-line in orario d'ufficio e comunicazione di eventuali variazioni normative
5. La verifica della corretta gestione di altri adempimenti (corretta etichettatura dei prodotti, adeguatezza delle autorizzazioni sanitarie)
6. La verifica del corretto adempimento degli obblighi in materia di rintracciabilità dei prodotti.
7. L'assistenza nell'adeguamento alle norme di igiene e sicurezza
8. L'assistenza personalizzata nella gestione della sicurezza negli ambienti di lavoro e di prevenzione incendi (se richiesta).

Infine il CIC (Controllo Igienico Continuo) è anche un'opportunità in più per sottolineare la propria professionalità. Infatti coloro che aderiscono al CIC (Controllo Igienico Continuo) otterranno materiale (adesivo con marchio, dépliant per i clienti) da poter esporre al pubblico, che permetterà al pubblico di sapere che l'azienda garantisce il controllo igienico continuo della propria produzione.

 

Disciplinare VeganOk

L’azienda che decide di autocertificare un prodotto secondo lo standard VeganOK, opera secondo quanto previsto dalla normativa Europea UNI EN ISO 14021 (Etichetta ambientale di tipo II effettuata senza certificazione di terza parte indipendente, da fabbricanti, importatori, distributori, rivenditori).
VeganOK è in Italia il più diffuso standard che garantisce al consumatore precise caratteristiche etiche ed ambientali. In particolare garantisce che il singolo prodotto che utilizza il marchio VeganOK (Asserzione ambientale auto-dichiarata, 3.1.16) obbligatoriamente presente sull’etichetta di ogni prodotto registrato, è conforme al disciplinare VeganOK (Dichiarazione esplicativa, 3.1.7). Tale disciplinare è sempre e liberamente consultabile sul sito www.veganok.com
Inoltre grazie all’accordo di collaborazione sottoscritto da BioAgriCert e VeganOK le aziende che vogliono aderire allo standard VeganOK potranno richiedere la certificazione di parte terza effettuata da BioAgriCert.
La scelta dello standard VeganOK permette di soddisfare le esigenze di chi acquista e di chi vende.
Chi acquista ha la garanzia di una procedura attuata nel rispetto della normativa Europea UNI EN ISO 14021, quindi potendo contare sulla certezza di quanto dichiarato da un preciso responsabile, con nome e cognome, che si assume precise responsabilità in sede civile e penale.
Chi produce ristabilisce un diritto di semplificazione ed autorevolezza del proprio operato attraverso l’acquisizione di responsabilità che la sottoscrizione del disciplinare comporta. Inoltre evita di dover ricaricare i prodotti di costi che le certificazioni con procedure più complesse generano sempre e che vengono di fatto trasformati in prezzi più alti per il consumatore.